CASO RUBY, IL PDL ALL’ESTERO
DIFENDE IL PRESIDENTE SILVIO BERLUSCONI

 

Giordano:  ancora fango
per sovvertire il voto popolare

 

21/01/2011

ROMA - “Il solito fango contro il Presidente del Consiglio. Qualche ora dopo la parziale bocciatura del legittimo impedimento da parte della Consulta, i ‘soliti noti’ pm di Milano, senza averne né competenza territoriale nè autorizzazione parlamentare, hanno dato in pasto ai media un’operazione di vero e proprio spionaggio ai danni del capo del governo: un anno di intercettazioni telefoniche illegittime nella sua villa di Arcore”. A parlare il senatore in Nord America , Basilio Giordano. “L’obiettivo è sempre lo stesso: sfiancare fino ad abbattere chi è stato legittimamente el etto dal popolo sovrano. Con la complicità di un’opposizione più interessata alla vita tra le lenzuola del premier che non alle riforme per modernizzare il paese. Un ‘déjà vu’. Nessuna novità.

Sono 17 anni che la Procura di Milano sta tentando di far fuori Berlusconi per via giudiziaria. Dopo averle tentate tutte, oggi, attraverso il “caso Ruby”, ha superato se stessa: ha messo in piazza un anno di intercettazioni telefoniche nella residenza privata di Berlusconi, spiando familiari, amici, politici e statisti internazionali che vi hanno messo piede. Gesto altamente eversivo di una scheggia impazzita dell’Ordine Giudiziario nei confronti del premier del Paese, capo del Potere Esecutivo.

Per farlo fuori dalla vita politica. Lo hanno capito bene anche gli italiani, tanto che tutti i sondaggisti concordano nel dire che l’appeal del premier resta praticamente invariato. La missione mediatico-giudiziaria è destinata, perciò, a fallire miseramente. Gli italiani non consentiranno che il loro voto venga calpestato e che il cammino delle riforme venga bruscamente interrotto. Nessuno scossone, dunque. Il PdL è più unito e compatto che mai e si stringe intorno al suo leader.

A fronte della sistematica violazione della Costituzione e dell’intenzione di alcuni giudici ‘militanti’ di rovesciare il voto popolare, sarebbe ora di accelerare i tempi di una profonda riforma della Giustizia. Altrimenti la strada maestra resta soltanto una: il voto. Con un risultato scontato e largamente prevedibile: un nuovo trionfo di Silvio Berlusconi”.

 

 

 

Italia Chiama Italia - Calabresi nel mondo
Puntata del 6 febbraio 2011 su Rai Italia

Servizi di Cristiano de Florentiis:
Intervista al Senatore Basilio Giordano
Puntata del 6 febbraio 2011 su Rai Italia

 

Basilio Giordano (PdL): gli italiani
all'estero e Berlusconi

Italiachiamaitalia.com - 12 ottobre 2008